Sei giorni e sei notti senza fermarsi su una pista

Sei giorni e sei notti senza fermarsi su una pista. Era l’idea di una gara di resistenza o, diremmo oggi, di uno sport estremo: 144 ore in sella, la Sei Giorni ciclistica!
La Sei Giorni serviva ai pistard per allenare i polpacci e agli stradisti per preparare la stagione in vista dei grandi Giri. Poi, il lento declino di una manifestazione tra le più affascinanti ma che resiste ancora tra mille difficoltà. E chi l’ha vista almeno una volta, non la dimentica. E la rivorrebbe ancora…
Il libro LE SEI GIORNI TRA GIRI DI PISTA E GIRI DI POKER di Manuel Gandin  (ed. No Reply, 120 pagine, Euro 12,00) sarà commentato da ospiti del mondo pistard e da esponenti del Comitato Vigorelli, che riveleranno le prossime iniziative su Milano.

Giovedì 20 marzo
ore 19.30
LE SEI GIORNI TRA GIRI DI PISTA E GIRI DI POKER
con Manuele Gandin

cover 6 giorni_

L’evento sarà di lancio per le prossime giornate del Vigorelli del 22 e 23 marzo in collaborazione con il FAI, in cui saranno numerose le iniziative previste (sabato 22 e domenica 23 marzo, dalle 10 alle 17, ingresso da Via Savonarola):
+   visite guidate;
+   esposizione di biciclette da pista storiche, in collaborazione con il Museo del Ciclismo – Madonna del Ghisallo. Tra cui il ritorno al Vigorelli della bici del record dell’ora di Fausto Coppi, la bici delle gare di stayer di Domenico De Lillo, alcune bici da pista degli anni d’oro del Vigorelli e un prototipo unico al mondo;
+   mostra “Una febbre inguaribile: 80 anni di Vigorelli”;
+   mostra fotografica “MiTomani – ritratti dalla Milano-Torino in bici da pista” a cura di Veloclub Vostok, fotografie di Angelo Ferrillo;
+   sabato 22 marzo, ore 19:30, partita di Football Americano Seamen Milano – Marines Lazio (ingresso convenzionato per i tesserati FAI).

Tutte le info: www.vigorelli.eu

volantino_web_vigorelli