Upcycle | 31 Gennaio 2018 – Il Giro, l’Italia, il Patron.
Upcycle Milano Bike Café di Milano è il primo bike bistrot d'Italia
upcycle, bike café, bistrot, bike, upcycling, bar, ristorante, milano, restaurant, bici, bicicletta
4113
post-template-default,single,single-post,postid-4113,single-format-standard,ajax_updown,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Il Giro, l’Italia, il Patron.
La corsa che inventò un territorio.

Mercoledì 31 Gennaio 2018, h.19:30
#ciclismipossibili 5
Il Giro, l’Italia, il Patron.
La corsa che inventò un territorio.

Il Giro d’Italia come grande scusa per raccontare un territorio meraviglioso, ricco e unico al mondo. Un’invenzione portata al suo massimo splendore dallo storico “patron” Vincenzo Torriani, l’uomo dell’ammiraglia, che ne assunse le redini dal 1948 al 1993. Un personaggio vulcanico e creativo, capace – attraverso straordinarie intuizioni e abili operazioni di promozione – di portare la Corsa Rosa in luoghi fino ad allora sconosciuti, talvolta persino proibiti. Rendendola così un evento unico e di portata mondiale, capace di fare concorrenza reale al Tour de France.
Tra tappe memorabili, gesta epiche e aneddoti imperdibili, ne parleranno mercoledì 31 gennaio a Milano, da Upcycle nella tappa numero 5 di “Ciclismi Possibili” format condotto da Giacomo Pellizzari. A discuterne, in un dialogo aperto anche agli interventi del pubblico, ci saranno Gianni Torriani, autore del libro “L’ultimo patron” (Ancora 2017), Giacomo Pellizzari, autore di “Storia e geografia del Giro d’Italia” (Utet 2017) e due ospiti illustri, figure fondamentali di questa corsa: Auro Bulbarelli, storico cronista del Giro d’Italia per la Rai e “iniziato” proprio da Torriani, e Gianni Motta, uno dei ciclisti italiani più amati di sempre, nonché vincitore della Corsa Rosa nel 1966.

Auro Bulbarelli: giornalista, telecronista sportivo, caporedattore di Rai Sport. Succeduto al mitico Adriano De Zan, è stato a lungo la “voce” del Giro d’Italia per la Rai, prima di ricoprire ruoli dirigenziali nel settore ciclismo di Rai Sport. Una foto del 1985 lo ritrae, ancora adolescente, in ammiraglia assieme a Vincenzo Torriani all’arrivo di una Milano-Sanremo.

Gianni Motta: uno dei ciclisti italiani più amati, professionista dal 1964 al 1976, ha vinto il Giro d’Italia nel’66, oltre a un Giro di Lombardia e 3 Giri dell’Emilia. Nel ‘65 è arrivato terzo al Tour de France nell’anno della storica vittoria di Felice Gimondi. Sicuramente uno dei protagonisti più belli “sul campo” dei pirotecnici Giri di Vincenzo Torriani.

Gianni Torriani: pubblicitario, giornalista e organizzatore del Premio Internazionale Vincenzo Torriani. Ma soprattutto figlio dello storico “Patron” del Giro d’Italia. Il suo libro “L’ultimo patron” (Ancora 2017), in forma di intervista immaginaria, ricca di fotografie e testimonianze, vuole essere un omaggio al padre. Figura carismatica capace di far conoscere agli italiani e al mondo intero una corsa unica al mondo.

Giacomo Pellizzari: scrittore, giornalista sportivo, ideatore e conduttore del format “Ciclismi Possibili”. I suoi libri: “Ma chi te lo fa fare? Sogni e avventure di un ciclista sempre in salita” (Fabbri 2014), “Il carattere del ciclista” (Utet 2016, tradotto in Olanda e Germania), “Storia e geografia del Giro d’Italia” (Utet 2017, 2 edizioni).