Upcycle | 18 Ottobre – Presentazione libro LE 98 RAGIONI PER CUI VADO IN BICICLETTA
Upcycle Milano Bike Café di Milano è il primo bike bistrot d'Italia
upcycle, bike café, bistrot, bike, upcycling, bar, ristorante, milano, restaurant, bici, bicicletta
4710
post-template-default,single,single-post,postid-4710,single-format-standard,ajax_updown,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

PRESENTAZIONE LIBRO

GIOVEDÌ’ 18 OTTOBRE ore 19:30
Presentazion libro
LE 98 RAGIONI PER CUI VADO IN BICICLETTA di Martin Angioni
Edizioni UTET
presso Upcycle Bike Café, via Ampère 59, Milano

Il libro.
Cosa c’è di più irresistibile di una bicicletta lanciata a tutta velocità, mentre sfreccia silenziosa all’alba, o al tramonto, in salita o in discesa, sospinta dal vento o costretta ad arrancare contro la pioggia, su una strada asfaltata o sul bagnasciuga in una giornata di inverno?

Martin Angioni non ha dubbi. La bicicletta – il ritmo meccanico delle pedalate, il respiro misurato e costante, i muscoli che si tendono… – è un piacere perfetto e insostituibile, una passione da coltivare ogni giorno, chilometro dopo chilometro, per anni. Neppure nei momenti più stressanti o complicati della sua vita, quando lavorava a New York o a Parigi, Angioni ha mai rinunciato a veleggiare «sopra il maelstrom di macchine» in sella a una Trek, a una Cinelli da corsa, o su uno dei pesanti vélib’ in affitto nella capitale francese.

Intrecciando la sua biografia e storie di ciclismo, spunti filosofici e citazioni letterarie, l’autore elenca le 98 ragioni per cui non passa giorno senza sottoporsi a questo rituale.

Il risultato è un libro insolito, in cui lo sguardo felice e allenato di Angioni sembra scoprire a ogni pagina un motivo in più per saltare in sella. Lo seguiamo mentre esalta la bellezza dei pendii alpini, o il punto di vista eccentrico e rilassato da cui osservare una metropoli; mentre elenca i benefici fisici e mentali, ma anche il valore essenziale della fatica, finché, pagina dopo pagina, anche ai non appassionati appare chiaro ciò che gli adepti sanno da sempre: la bicicletta non è solo un mezzo di trasporto ma uno strumento di conoscenza di sé e di ciò che ci circonda, un’alternativa sana e divertente alla macchina, e soprattutto un’espressione di libertà, anarchia e disciplina, senza uguali.

L’autore
Martin Angioni, manager di successo e libero pensatore, viaggiatore curioso e sopraffino cultore delle arti, è figlio di una medaglia d’oro olimpica di equitazione, e ha mantenuto il legame familiare con la sella, ma sulle due ruote. Membro della ASD Cassinis Cycling Team, fisico nervoso da scalatore, Martin è stato avvistato in sella su percorsi di ogni tipo.